PostHeaderIcon i nostri messaggi

Il tempo degli eroi è ancora il tempo di chi non rinuncia a gustare l'attimo, a percepire, nella sua limpidezza, il fascino intramontabile dell'essere.
E' il tempo di chi non rinuncia a respirare, a respirarsi, aperto alla luce, affascinato dal buono, innamorato dell'incanto, melodia dolcissima che il palpito della vita schiude nell'immenso abisso che, aldilà di ogni contraddizione, fa grande l'uomo.
Il tempo degli eroi è ancora il tempo di chi trova le altezze guardando il selciato, di chi è capace di mirare, oltre la disintegrazione millenaria delle rocce, la gemmazione spontanea di stelle e galassie, dipinte nei multicolori disegni dell'iride, viatico per un viaggio mai vissuto abbastanza, pallido riflesso di una bellezza assoluta che si manifesta per intero nel sorriso dei bambini e nell'abbraccio di chi veramente ama.
Il tempo degli eroi √® ancora il tempo di chi, oltre le lancette dell'orologio, rimane e non se ne va, di chi sceglie la strada del s√® aprendosi al mistero dell'altro, di chi, nonostante tutto, rinnova la scommessa del cuore che non tradisce se stesso oltre la lacerazione assurda di ogni pi√Ļ violenta barbarie e feroce puntuale illusione e negazione di senso.
Il tempo degli eroi è ancora il tempo di chi non vende la propria dignità, e preferisce la libertà del mare e del vento alla condanna senza remissione della coscienza disgustata per aver voltato le spalle al proprio fratello.
Il tempo degli eroi trova la sinfonia nel silenzio ed il silenzio nella sinfonia, nel chiasso del mercato e nella quiete della valle, nella forza della tenerezza che tutto vince, e che le ferite sana, oltre le contrapposizioni violente dei sentieri passeggeri del quotidiano ed il pianto devastato dalla disperazione, per restituire a credibile speranza, come primavera dai ghiacciai dell'inverno, l'umana rigenerazione di stupore ed integrità.
Il tempo degli eroi è di chi non rinuncia a sognare, ed a partire per tempo, se necessario da solo, oltre l'orizzonte sconfinato, incurante del vento contrario, chino sul dolore proprio ed altrui, pronto a sollevare dopo l'ennesima caduta, oltre l'indicibile tristezza della vita non vissuta, della gioia negata, di qualunque primato di annientamento, in paziente attesa dell'alba.
Il tempo degli eroi è di chi non fugge nell'ora della battaglia, di chi non arretra davanti al sangue versato, di chi oltre la morte, la propria morte, fa del suo tempo, canto soave, intensità indelebile, passione indomabile, infinito Amore.
A tutti i compagni di viaggio, auguri.
Add a comment
 

Semaforo rosso.
Una gran seccatura.
Viene da imprecare, contrariarsi, perdere la pazienza.
La tensione nervosa aumenta, si ha la sensazione che la giornata si complichi con l'ennesimo fastidio di cui tutti faremmo volentieri a meno.
Viene voglia di attraversarlo, il semaforo rosso, di passare ugualmente, in chiave quasi liberatoria: chi se ne frega!!!
Così è, nella nostra vita di tutti i giorni, davanti al limite.
Percepiamo, infatti, il limite come una ostativa alla nostra libertà, come un ostacolo sgradito alla nostra possibilità di divenire ciò che ci piace, come un condizionamento pesante della nostra libertà creativa.
Limite? No, grazie!
Il limite ci impoverisce, ci sminuisce, ha valore sostanzialmente deprivante.
Tutta la nostra cultura, infatti, afferma, con estrema convinzione, la continua necessità, laddove si voglia realmente progredire con successo nella vita, di superare il limite, di andare costantemente oltre il limite, di scavalcare, in ogni modo, con ogni mezzo, il limite.
Ritengo, invece, che - oggi pi√Ļ che mai - la questione del limite, e la nostra relazione vitale con esso, debba essere oggetto di una riflessione pi√Ļ attenta e profonda, maggiormente qualitativa.
Il limite non √® soltanto un ostacolo, un inciampo, un muro, indesiderato, pi√Ļ o meno valicabile contro cui andare, pi√Ļ o meno inesorabilmente, a sbattere.
In questo senso, la natura stessa dell'uomo, il suo grandioso processo evolutivo lo portano, mirabilmente, ad andare oltre.
Dalle grotte di Altamira e dalla scoperta del fuoco siamo arrivati, infatti, all'energia atomica e a visitare Marte. 
Ma il limite non ha soltanto la valenza di un asticella finalizzata a farci saltare, progressivamente, pi√Ļ in alto, rendendo l'uomo progressivamente pi√Ļ uomo.
Il limite ha anche altre valenze, ugualmente importanti, assolutamente determinanti perch√® l'uomo non solo diventi progressivamente pi√Ļ uomo ma anche perch√® eviti, nel corso del suo naturale processo evolutivo, di andare, pi√Ļ o meno consapevolmente, contro se stesso ed i propri simili.
Il limite serve, in tale contesto interpretativo, anche a tutelare e a proteggere l'uomo, ad impedire, in modo assolutamente decisivo, che l'uomo distrugga e si distrugga.
Il limite ci definisce,  ci delimita nella nostra identità rispetto a ciò che è altro da noi, ci salvaguardia - come le mura della nostra casa - da eventuali assalti ed aggressioni esterne.
Il limite, in biologia cellulare, nelle fasi replicative del DNA, impedisce alla cellula normale di  impazzire e di trasformarsi in una cellula tumorale.
Il limite, nella nostra relazione personale ed interpersonale, serve a definire, nella sua essenza di conoscibilità, il nostro volto, la portata dei nostri pensieri, la distinzione percettiva autocosciente nel fluire dei nostri sentimenti in quanto a tipologia, a tonalità, ad intensità.
Il limite, nella sua globalit√†, nella sua straordinaria valenza combinata di istanza di superamento e di protezione, √® varco prezioso di accesso alle soglie pi√Ļ alte del mistero dell'uomo, che all'interno di s√®, della sua navigazione spirituale, scopre, in ogni istante della sua vita, proprio grazie al limite, ed al suo dinamico movimento interiore, oceani da vivere sempre nuovi e pi√Ļ affascinanti.¬†
Semaforo rosso.
Può essere una benedizione, un muro salvifico che mi salva dal precipitare in un baratro, sul cui ciglio non mi sono accorto di trovarmi.
Può essere una occasione formidabile per ritrovarmi, un istante, con me stesso, per interrogarmi su ciò di cui mi interesso sempre meno, ossia me stesso e la mia relazione vitale con la mia stessa vita: sto bene? Come va la mia vita? Sto andando dove voglio realmente andare? Come sto vivendo con chi amo, con i miei cari?
Semaforo rosso.
Pu√≤ essere un amico inatteso venuto a salvarmi da uno schianto fatale, da un evento probabile che continuando a correre, cos√¨ come sto facendo, potrebbe portarmi, qualche metro pi√Ļ avanti, ad annientare, ad annientarmi, ad uccidere, ad uccidermi.
Semaforo rosso.
Un'occasione per pensare.
Per riflettere su questa continua delegittimazione di noi stessi davanti alla nostra vita, di noi stessi come cittadini italiani e come singole persone, considerata la cronaca dei nostri giorni attraverso cui si continua a ritenere di poter fare ulteriore scempio delle nostre intelligenze.
Una vera e propria stagione ingravescente della vergogna: questa gazzarra indegna di conflitto feroce tra i poteri dello Stato, la questione della corruzione dilagante, dei fondi neri e dei riciclaggi , delle riforme invocate con supponenza cui nessuno mette realmente mano, degli appalti ai terremotati, delle tornate elettorali senza lo straccio di un serio programma da condividere, quale strumento utile e doveroso di chiarezza nella pianificazione, nella presentazione analitica delle rispettive proposte e nelle possibilità concrete di monitoraggio dalla base degli eventuali risultati conseguiti a fine mandato, con i cittadini, con tutti noi.
Semaforo rosso.
Conviene, credo, fermarci.
Prendere fiato.
Ritrovare energie ed il meglio di noi stessi.
Conviene ripartire.
Diversamente.                 
                                       
                                              Mario Balzanelli


Add a comment
 

PostHeaderIcon ‚ÄúMai pi√Ļ‚ÄĚ

‚ÄúMai pi√Ļ‚ÄĚ significa ribadire, con chiarezza, la necessit√† di una svolta radicale.


Add a comment

Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 19 Agosto 2009 09:23 )

Leggi tutto...

 

PostHeaderIcon Una volta su cinque guido io, una volta su cinque io non bevo

Messaggio n¬į2 del 9 Giugno 2007

Il messaggio di questa settimana si basa su quanto ormai accade, da tempo, in Inghilterra, realt√† culturale nella quale i ragazzi, quando si organizzano per uscire in comitiva, organizzano una specie di turnazione di chi conduce l‚Äôauto.Il conducente, nel giorno di sua competenza, non fa uso ‚Äď nella maniera pi√Ļ assoluta ‚Äď n√© di alcol n√® di droghe.Cos√¨ facendo, almeno in Inghilterra, gli incidenti stradali nel weekend sono notevolmente calati, sia di numero che di gravit√†.
Nella speranza di riuscire ad introdurre, quanto prima, anche nella nostra realt√†, questa ‚Äúorganizzazione di comitiva‚ÄĚ, abbiamo cos√¨ deciso di pubblicizzare per questa settimana il messaggio preventivo: ‚ÄúUna volta su cinque guido io, una volta su cinque io non bevo

Guido Balzanelli


Add a comment

Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 19 Agosto 2009 09:24 )

 

PostHeaderIcon Siamo vivi, felici di essere vivi e vogliamo rimanere così !!!

Messaggio n¬į3 del¬†16 Giugno 2007

Siamo vivi, felici di essere vivi, e vogliamo rimanere cos√¨‚ÄĚ significa affermare, con forza, l‚Äôevidenza delle evidenze: la vita √®, di per s√©, meravigliosa.


Add a comment

Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 19 Agosto 2009 09:24 )

Leggi tutto...

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 12

se ti serve ....

inviaci un pensiero! lo appenderemo sulla lavagna

schede culturali

un grazie a...

 



cerca
non bere

dalla Calabria

opinion leader

<<  Settembre 2019  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
        1
  2  3  4  5  6  7  8
  9101112131415
16171819202122
23242526272829
30      
few sentences
ultimo messaggio: 3 giorni, 10 ore fa
  • merlino : I dispensatori di verit√† ascoltano solo loro stessi. Evitali.
  • merlino : Sono tutti ossessionati dal management. Pochi sono interessati alla leadership. Quella vera. Che si sostanzia intanto con l'essere "per".
  • merlino : Come ogni istante rinnova il precedente e viene rinnovato dal successivo, cosi la tua vita √® chiamata, proprio in ogni istante, a rinascere di nuovo, a rigenerarsi, a risplendere, di pi√Ļ e meglio.
  • merlino : Se analizzi la caduta, la tua caduta, trovi sempre una causa ben precisa. Ecco, su quella devi lavorare per evitare recidive, anche potenzialmente pericolose se non destruenti.
  • merlino : Difficile affermare la speranza camminando sulle sabbie mobili. Quindi attenzione ai movimenti. Perch√© comunque si impone uscirne fuori e vivi.
  • merlino : Difficile affermare la speranza camminando sulle sabbie mobili. Quindi attenzione ai movimenti. Perch√© comunque si impone uscirne fuori e vivi.
  • merlino : La svolta ci precipita nel disastro quando decidiamo di essere coerenti con noi stessi, ma al contempo ci salva da disastri peggiori.
  • merlino : Il nostro sorriso ci rende giustizia molto pi√Ļ del nostro pianto.
  • merlino : L'amore non accetta condizioni. Esige la resa.
  • merlino : Sperare √® camminare in attesa di un avvenire positivo, realizzante, migliore del passato e del presente, percependo quale garante la vita, indipendentemente da qualunque evidenza di morte.
  • merlino : La speranza √® la scelta consapevole di slanciarsi nell'infinito, indipendentemente da ogni limite.
  • merlino : La speranza rende elastica la nostra capacit√† di amare, cio√® la dilata. Quanto pi√Ļ vi √® speranza, tanto pi√Ļ si dilata la nostra capacit√† di amare.
  • merlino : Le insidie peggiori sono quelle che meglio si nascondono. Sii molto sensibile e attento nell'intercettare quanto prima i segni rivelatori.
  • merlino : Conta intanto su di te. Ti scoprirai molto pi√Ļ forte e potente di quel che pensi.
  • merlino : E' sconvolgente considerare che in ogni istante ci viene fatto dono della vita.
  • merlino : Metti a fuoco una questione prioritaria essenziale: il tuo cuore √® in cerca di significato.
  • merlino : In sintesi, √® tutto un viaggio dal cuore alla testa e ritorno.
  • merlino : Volgi il tuo cammino intanto verso il paese del tuo cuore.
  • merlino : Significa stare l√¨ sulla trasformazione, ossia trasformare ogni percorso in percorso di vita.
  • merlino : La sfida? Diventare il significante del proprio significato.
  • [merlino] : Non banalizzare mai il senso sacro della vita.
  • merlino : Incomincia dalla "visione". Stabilisci, quindi, per prima cosa, verso quale traguardo intendi condurre la tua vita.
  • merlino : I valori sono i comportamenti essenziali che ti impediscono di precipitare nell'abisso.
  • merlino : Il cuore pulsante della tua vita √® nell'abbraccio pi√Ļ forte a chi ami.
  • merlino : Non √® solo elevandosi verso l'alto ma anche e sopratutto chinandosi verso il basso che si agisce autenticamente al servizio.
  • merlino : Eserciti di gentaglia marciano come predatori per saccheggiare in ogni modo possibile e immaginabile. Evitali. E se mai li affronti non avere mai timore di essere nel giusto.
  • merlino : La malattia ti mette davanti la tua identit√†, insieme fragile e grandiosa. Attraverso il dolore vedi la tua reale miseria e la tua immensa grandezza.
  • merlino : La menzogna uccide. Noi stessi, gli altri, chiunque. Durissimo subirne le conseguenze. Evita la menzogna e riparti da nuove verit√† se la subisci.
  • merlino : L'osservazione del dolore ti impegni a farti carico delle tue responsabilit√†, ad essere di supporto, scudo a chi soffre.
  • merlino : Il fallimento, anche pi√Ļ abissale,non ci impedisca di rilanciare tutto di noi verso la vita.
  • merlino : La grande difficolta' ed il sentimento di sfiducia verso noi stessi generi proprio in noi stessi buon senso e rinnovata fiducia, intesa quale determinazione forte a ripartire, quale affermazione pi√Ļ convinta della volont√† e della necessit√† di non arrendersi.
  • merlino : La semplicit√† √® conseguenza della scelta di dire di "si" alla vita.
  • merlino : Prima di preoccuparti di cambiare il mondo incomincia ad adoperarti per cambiare te stesso.
  • merlino : Siamo nella necessit√† di trovare il nostro equilibrio nell'ordinario, molto pi√Ļ che nello straordinario.
  • merlino : √ą questo l'istante in cui sei chiamato a sentirti vivo. E cos√¨ in ogni istante.
  • merlino : Stare insieme a chi ami non ha prezzo. √ą il valore pi√Ļ alto incarnato. L'amore √® unione con l'amato.
  • merlino : Subire all'improvviso l'annientamento di s√© stessi. In un attimo non siamo e rischiamo di non essere tu. Sono le occasioni pi√Ļ importanti per ascoltare il silenzio, fermare il tempo, rigenerare la vita.
  • merlino : La nostra societ√† √® ampiamente in crisi perch√© non riusciamo a rispettare neanche noi stessi.
  • merlino : La stanchezza ti chiama a recuperare energia vitale. √ą il tempo prezioso della ricarica. Una opportunit√† straordinaria di rigenerazione. Fai buon uso della tua stanchezza.
  • merlino : Occorre trovare vive in noi la bellezza e la determinante importanza prima di perdere tutto, e non dopo. Siamo ricchi e non lo sappiamo.
  • merlino : La forza interiore deriva dal tuo amore pi√Ļ profondo. Obbedisci a quella infinita profondit√†. Tutto il resto √® un accessorio passeggero.
  • merlino : √ą proprio l'attimo di smarrimento il pretesto per farti fuori. Sii sempre sulla riga e non deviare. Questo √® un tempo in cui non sono consentiti cedimenti.
  • merlino : Un attimo. Un attimo e perdi tutto. Pre-vedi. Evita l'attimo della caduta. Fai questo immane sforzo.
  • merlino : Ovunque tu vada, vai verso la vita. Fattelo dire da chi vede morire tutti i giorni.
  • merlino : Fa parte della tua integrit√† mantenere le promesse.
  • merlino : La forza in te ti consente di compiere prodigi. Devi solo crederci.
  • merlino : Non perdere tempo a ritenere che siano gli altri a doverti promuovere.Tocca a te promuovere te stesso.
  • merlino : La tua salute va privilegiata come bene supremo da tutelare. Non riscoprire il suo valore quando compromessa.
  • merlino : L'essere in vita √® lo stato di grazia indispensabile per poter ricreare, a partire da ciascun istante, tutta la nostra vita.
  • merlino : Il mistero della morte √® l'evidenza che pare infrangere in ultimo il respiro della vita. In realt√† √® la Vita che avvolge la morte e che dall'interno della sua mostruosit√† la rigenera in vita, pi√Ļ grande, infinita. Strada stretta, antinomia di logica e biologia: chiamala fede.
  • merlino : Si ricomincia ogni giorno. Si cade e ci si alza. Ma questa sia la tua costante tensione, oltre qualunque reiterata fragilit√†: preoccupati ogni giorno di amare di pi√Ļ.
  • merlino : Si tratta dell'unica priorit√†: metti al centro la Vita. La Vita al centro di tutto. La vita nell'Amore. La Vita che nell'amore √® pi√Ļ forte della morte.
  • merlino : Se ti decidi per la vita non potrai essere distrutto, nemmeno da qualsiasi crollo delle illusioni.
  • merlino : Costruisci la tua vita su un fondamento che sostiene.
  • merlino : Non √® un altro giorno. √ą un giorno in meno. Vivilo in pienezza.
  • merlino : Sperare √® saper cogliere la primavera nell'inverno.
  • merlino : Vi sono piani di realt√† di cui non puoi non tenere conto. Di cui devi tenere conto.
  • merlino : Prendere le distanze da ci√≤ che non si condivide √® di fondamentale importanza per recuperare ed espandere forze e ricchezze di vita.
  • merlino : Il dramma √® doversi sopportare i bugiardi cronici istituzionali. Rispondi con l'esempio corretto. E tante volte meglio senza proferire verbo. Esempi lampanti. Nulla pi√Ļ.
  • merlino : Inutile e pericoloso rispondere istintivamente alle offese se non hai le idee chiare e la corretta comprensione della forza reale del tuo avversario. Aspetta, valuta, verifica e solo quando nelle reali possibilit√† di replica efficace rispondi a tono.
  • merlino : Devi farti sempre trovare pronto, lucido, reattivo. La sofferenza irrompe quasi sempre inaspettata nella vita. Nessuno √® esente da questa sgradevolissima irruzione. Rimani quindi pronto a reagire e ad agire.
  • merlino : Siamo chiamati a nutrirci creativamente dello smisurato prodigio della vita.
  • merlino : Il nostro corpo e la nostra esistenza sono profezie di un amore incondizionato.
  • merlino : Non ti colpevolizzare se vieni rifiutato. Riparti dalle ceneri e persino da esasperazione e disperazione. Ma riparti. Nel flusso della vita. Nel dono nuovo della vita.
  • merlino : La stanchezza estrema ci porge con nitida chiarezza l'evidenza della nostra finitudine e insieme la nostra capacit√† di rinascita.
  • merlino : Spiegano ci√≤ che non vivono, e vi √® anche chi li ascolta.
  • merlino : Il distacco aiuta a comprendere la tua verit√†, e a scegliere per viverla nella sua pienezza.
  • merlino : Assapora il gusto di vivere nell'amore. √ą unico. Ti rende vivo.
  • merlino : Semplifica. Essenzializza. Vai all'irrinunciabile determinante. Dai al tuo tempo sostanza piena e traboccante di vita.
  • merlino : Consuma solo ci√≤ che ti √® necessario. Ci√≤ che ti rende felice non pu√≤ essere acquistato.
  • merlino : Incoraggia e supporta sempre, senza nulla chiedere in cambio, il talento altrui. Il tuo passare sia germinativo di una umanit√† migliore.
  • merlino : Prima di decidere valuta con attenzione il contesto esterno in cui produrranno gli effetti delle tue decisioni.
  • merlino : Non si condivide a parole.
  • merlino : Trova la forza nell'irrinunciabile.
  • merlino : Le tue parole siano donatrici di speranza.
  • merlino : Le due alleanze difficili da rispettare, quella con il passato e pi√Ļ ancora quella con il futuro.
  • merlino : La speranza ha un laboratorio sperimentale. Si chiama perseveranza.
  • merlino : Non abbandonare a met√† l'opera intrapresa.
  • merlino : Vieni ostacolato dal malaffare? Consideralo un alto onore.
  • merlino : Tutti pronti a combattere nascosti dietro la tua schiena.
  • merlino : L'amore si volge indietro e impara, nel presente da' tutto senza riserve, ma per sua natura √® aperto al futuro, guarda lontano e con coraggio si avvia, qualunque sia il tempo, verso il domani.
  • merlino : Accetta battute d'arresto. Fai di una sconfitta tesoro di espansione di vita. Proteggi il tuo amore. Respira immensit√† sotto le stelle.
  • merlino : L'incompiutezza ti sia alleata. Una profonda umilt√† sia la tua strada maestra. Con passione e pazienza vivi, accogli e crea, durante il giorno e la notte, meraviglie nel tuo cammino.
  • merlino : Si parla troppo di gestione e quasi nulla di risultati.
  • merlino : Ci√≤ che puoi e devi imparare solo a tue spese:la responsabilit√†.
  • merlino : Non rinnegare la tua verit√† se a causa di essa dovrai subire ingiuste e pesanti ostilit√†.
  • merlino : L'amore obbedisce solo a se stesso e nella finalit√† di se stesso.
  • merlino : Ci si rompe in ogni momento. Ci si deve curare in ogni momento.
  • merlino : Non credere quando ti dicono che la perfezione non esiste. Io l'ho incontrata, vissuta, abbracciata.
  • merlino : Fai attenzione ai professionisti del muro a tutti costi, delle barricate a prescindere. Evitali. Ignorali. Affrontali solo quando sai di essere nel giusto e di avere le spalle sufficientemente larghe.
  • merlino : Solo affermando l'amore irrinunciabile trovi pace nel cuore.
  • merlino : La serenit√† diventa possibile solo quando rinunci a tutto ci√≤ cui brami per amore di chi ami.
  • merlino : I moltiplicatori di problemi sono una pericolosa perdita di tempo. Concedi loro pochissimo spazio e vai oltre e speditamente sulle questioni essenziali.
  • merlino : Prendi la delusione di adesso e trasformala in speranza e azione mirata per il tuo avvenire.
  • merlino : Cura la tua preparazione ogni giorno. Sviluppa e arricchisci ogni giorno le tue conoscenze.
  • merlino : Il chiarirsi deve essere diretto, essenziale, deciso.
  • merlino : Se ti offendono ignora. Replica puntando dritto ai tuoi obiettivi.
  • merlino : Ricordati che scaricano le responsabilit√† delle loro insufficienze sul pi√Ļ forte, mai su loro stessi.
  • merlino : La coerenza paga sempre, quando √® specchio di competenza, passione, integrit√†.
  • merlino : Si tratta di rivedere il concetto di speranza. Non √® un augurio, un auspicio. √ą la decisione, √® l'agire, dettato dalla fiducia, dalla fede, che ti porta ad andare verso un obiettivo che ritieni irrinunciabile, nonostante tutto.

Only registered users are allowed to post

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counteroggi592
mod_vvisit_counterquesto mese26660
mod_vvisit_countertotali2212181
 36 visitatori online