TARANTOSERA

Temperature record. Super lavoro del 118

venerdì 27 giugno 2008

 

Città avvolta in una morsa dal caldo. Le ultime 24 ore sono state drammatiche, aggravate ulteriormente dall’alto tasso di umidità presente nell’aria. Nella sola giornata di ieri le telefonate con richieste d’aiuto giunte al centralino del 118 sono state circa trecento. Un vero e proprio assalto che non ha lasciato un attimo di respiro agli operatori sanitari.

Le richieste d’aiuto sono arrivate soprattutto da anziani e persone ammalate, sole ed in difficoltà, a cui il caldo ha accentuato il malessere. Ma le richieste sono arrivate anche da chi ha avuto un semplice calo di pressione. Il rapporto tra le telefonate ed i casi che effettivamente rappresentavano un’emergenza medica i è assolutamente impari. «Su 128 mila telefonate arrivate al 118 dal momento della sua attivazione, poco più del 6% si è rivelato corrispondere ad un reale bisogno - commenta il responsabile del servizio ¬- Dalle statistiche emerge inoltre che un italiano su tre almeno una volta all’anno ha fatto ricorso al pronto soccorso. Questo significa che il servizio sanitario non funziona a monte. Pronto soccorso e 118 sono destinati alle emergenze. Dirottarli su malori stagionali, curabili dal medico di famiglia, significa mettere a rischio la vita di chi ha invece davvero bisogno di un aiuto». Il dottor Balzanelli fornisce un decalogo per scongiurare i malori provocati dal caldo. 1°- Evitare di uscire tra le 12 e le 16.30; 2°- non bere solo acqua, ma, ogni ora e mezza, un bicchiere di una miscela (un litro d’acqua, 5 cucchiai di zucchero, 1 cucchiaino di sale, succo di 6 limoni); 3°- coprire la testa con un cappellino bianco e bagnato; 4°- Sostare periodicamente in ambiente ombreggiato e ventilato; 5°- assumere proteine solo di sera, e mangiare frutta; 6°- riposare il pomeriggio; 7°- evitare di nuotare dopo il pasto; 8°- fare un controllo medico se si assumono farmaci contro l’ipertensione; 9°- assumere un integratore in bibita quando si viaggia in auto; 10°- in presenza di malori non ordinari ed improvvisi chiamare il 118. Angela Todaro